Ciro Contini in mezzo a uno stuolo di carabinieri

La mala del Vasto-Arenaccia

E’ riuscita a cavarsela con una condanna a soli tre anni e otto mesi di reclusione, rispetto ai 5 anni e quattro mesi che gli erano stati inflitti in primo grado. E’ il verdetto che ha riguardato Ciro Contini, nipote del boss detenuto Edoardo’o romano, e considerato ras emergente della cosca del Vasto-Arenaccia. I fatti contestati a Ciro Contini, detto ’o nirone, si riferiscono al rocambolesco tentativo di fuga messo in atto il 24 novembre, quando, con tanto di pistola, provò a scappare per le strade dell’Arenaccia. La notizia dell’esito del processo di Appello è stata riportata dal quotidiano Il Roma.