“Non è stata più convocata alcuna seduta straordinaria del Consiglio regionale della Campania sull’inchiesta rifiuti”. A denunciarlo è Gennaro Saiello, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale della Campania, che spiega: “Siamo indignati dall’indifferenza di Caldoro e dei gruppi di opposizione. E’ più che una sensazione che in Consiglio regionale il Movimento 5 Stelle sia l’unica forza politica ad essere preoccupata alla luce di quanto emerso dalla videoinchiesta di Fanpage.it e dell’indagine della magistratura su presunti illeciti nella gestione del ciclo dei rifiuti in Campania”.

Saiello ricorda che “da tempo abbiamo proposto una seduta monotematica del Consiglio regionale su questi temi, invitando il presidente De Luca ed il suo vice e assessore all’Ambiente Bonavitacola a riferire in aula su come sia possibile che un settore così delicato sia ancora potenzialmente penetrabile dalla criminalità organizzata, che tutt’oggi guarda al sistema rifiuti in Campania con un business su cui puntare. La proposta, portata al tavolo della Conferenza dei Capigruppo, fu accolta da tutti, compreso Bonavitacola. In quella sede venne indicata una data precedente o immediatamente successiva alle festività pasquali, ma allo stato non è pervenuta alcuna comunicazione formale”.