L’indagine.

Il tribunale del Riesame di Napoli ha revocato gli arresti domiciliari per l’imprenditore della sanità Vincenzo Schiavone, arrestato dieci giorni fa dai carabinieri nell’ambito di un’indagine della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con l’accusa di corruzione e altri reati. I giudici hanno comunque disposto l’obbligo di dimora fuori alla Regione Campania. Schiavone è proprietario di diverse cliniche in Campania, tra cui la Pineta Grande Hospital di Castel Volturno, unico presidio sanitario del litorale domizio.

L’indagine riguarda proprio la Pineta Grande, in particolare il cantiere di ampliamento della clinica inaugurato nel marzo 2018. Per gli inquirenti Schiavone avrebbe corrotto amministratori e funzionari pubblici, sia del Comune di Castel Volturno che della Regione, al fine di avere tutti i permessi necessari ad ampliare la clinica. Dagli accertamenti sono emerse anche presunte violazioni edilizie in relazione al cantiere di ampliamento.

ad