di Giancarlo Tommasone

Matteo Salvini effettuerà una delle date conclusive della sua campagna elettorale proprio a Napoli. Secondo quanto è stato diffuso tramite uno spot su Facebook, il leghista farà la sua entrata trionfale nei pressi del Maschio Angioino e a bordo di una decappottabile, inviterà i napoletani, ‘terroni e puzzolenti’ a votare per lui. Peccato però, che quello non sia il Salvini vero. Piuttosto un sosia assoldato per la pubblicità sponsorizzata da Avaaz, una Ong che sarebbe finanziata da George Soros, il controverso miliardario che specula sulla politica, anche (e ultimamente soprattutto) su quella italiana.

ad
salvini terroni nord
Matteo Salvini

Lo spot denuncia il rischio che sta correndo il nostro Paese per l’affermazione più che possibile del centrodestra alle Politiche del 4 marzo, e invita tutti gli elettori a scegliere un candidato diverso da quello schieramento. Le istruzioni su come fermare Salvini, Berlusconi, Meloni e annessi partiti, sono in calce allo spot dove si presenta, in maniera apocalittica, una situazione da allarme rosso.

Marta Schifone

C’è la soluzione e si riportano anche i nomi dei candidati da preferire. Allora si scelga, ad esempio Roberto Fico al posto di Marta Schifone, “la coordinatrice cittadina di Fratelli d’Italia, che è data per ora in vantaggio di due punti (35% a 33%) sul candidato del Movimento 5 Stelle Roberto Fico, parlamentare e attivista storico del movimento. Il collegio di Fuorigrotta comprende anche Bagnoli, Chiaiano, Soccavo e Pianura”. E’ evidenziato nello spot di Avaaz.
A parte la riflessione sulla metodologia utilizzata per diffondere una notizia fasulla (quella riguardo alla presenza di Salvini a Napoli), c’è da soffermarsi su un altro particolare. Relativo a quella sorta di ‘infiltrazione’ della Ong di Soros nella città partenopea. Ma cosa c’entra il miliardario speculatore della politica con Napoli? Quali i punti di contatto? Uno in particolare: Yanis Varoufakis.

Yanis Varoufakis

Quest’ultimo è alquanto coccolato da Project Syndicate, un giornale online ritenuto assai vicino al finanziere internazionale. Ora, per un sillogismo aristotelico, andiamo a sottolineare che tra i rapporti più considerati da Partenope Ribelle (centro sociale dei Colli Aminei vicino a Insurgencia) c’è proprio quello con Varoufakis, che come abbiamo visto, godrebbe della ‘stima’ da parte del network di Soros. E Soros sponsorizzerebbe anche Avaaz, che sta di fatto tirando la campagna elettorale a chiunque si schieri contro il centrodestra. Non dimentichiamo, che il magnate – che vanta un patrimonio stimato di 26 miliardi di dollari – avrebbe finanziato anche le ‘rivoluzioni’ che hanno sovvertito certi Paesi dell’Est o ex Repubbliche sovietiche.