E’ da giorni che Napoli piagne la scomparsa di Checco Mazza, un vero simbolo del borgo di Marechiaro a Posillipo. Era socio di uno dei ristoranti più rinomati del Vomero, e al mare aveva dedicato la sua vita, soprattutto in ambito sportivo attraverso la pesca e la pallanuoto.

Di eventi e iniziative legate al mare, Checco Mazza ne aveva patrocinate tante, che purtroppo si è dovuto arrendere per un brutto male.

Un molti lo ammiravano e avevano tanta stima in lui, non a casa sui social sono arrivati tantissimi saluti di addio, tra cui il commovente saluto Mirna Doris, regina della canzone napoletana

“Ciao piccolo grande uomo…. Oggi Marechiaro e la sua gente ti ha salutato per l’ultima volta…. Checco, da oggi il tuo amatissimo Borgo sarà più solo… senza una luce ed un guerriero che lo difendeva sempre e comunque. La vita non è stata molto generosa con te, sin da bambino, ma tu con la tua anima grande e generosa ed una forza d’animo non comune l’hai ricambiata con passione infinita in ogni cosa che facevi e con tanto amore per il prossimo e la tua terra…. Il tempo ci porterà ad una rassegnazione, ci abitueremo alla tua assenza fisica ma solo perché avremo la certezza della tua presenza costante nel suono delle onde, nel vento tra le case del tuo natio borgo…. La brezza marina, a seconda della stagione, ci porterà un po’ della tua anima…Combattevi sino allo stremo delle forze tra le onde, non ti arrendevi, sfidavi la magia del tuo amatissimo mare… E vincevi perché combattevi con spirito di vero guerriero… L’ultima battaglia l’hai perduta ma a tutti noi hai dato una lezione di vita, combattere fino alla fine, arrendersi mai…. La tua zia Titta, ti abbraccia con affetto particolare, anche lei figlia di Marechiaro come te…. Il mio pensiero raggiunga la tua anima ovunque tu sia… Per me, anzi, per tutti noi, sarai sempre tra le acque del nostro borgo… Quando avremo nostalgia di te… Ti chiameremo, diremo ad alta voce il tuo nome…. Un gabbiano si avvicinerà…. Ne sono certa…. Con amore, tua zia Titta…..“.