Dopo il processo per direttissima, la coppia sottoposta all’obbligo di firma

Forse volevano ascoltare insieme la musica, dividendosi gli auricolari, alla fine, è andata male. Nell’ambito dei servizi di prevenzione e controllo nella stazione ferroviaria di Napoli Centrale, una pattuglia del Settore operativo di Napoli Centrale, ha notato una coppia formata da un uomo e una donna entrare alla Feltrinelli. Entrambi, ricostruisce la nota della Polfer, con più azioni coordinate tra di loro, ma uniti da un unico disegno criminoso, si impossessavano di una confezione di auricolari bluetooth per iPhone, schermandola con carta stagnola, per non far scattare il sistema antitaccheggio, posto all’uscita dell’esercizio commerciale.

L’uomo, risultato pluripregiudicato, ha all’esterno la refurtiva e la donna la ha occultata sotto la giacca che indossava in quel momento. Prontamente bloccati dai poliziotti della Polfer, i due sono stati arrestati in flagranza di reato e sottoposti alla misura degli arresti domiciliari. All’esito del giudizio per direttissima, hanno riportato la condanna, di 6 mesi di reclusione per l’uomo, e di 4 mesi per la donna,  ed entrambi sono stati sottoposti all’obbligo della firma presso il commissariato di polizia di Scampia.

ad
Riproduzione Riservata