lunedì, Gennaio 24, 2022
HomeInchieste e storia della camorraRiviste porno nell’auto del costruttore edile ucciso, per sviare le indagini

Riviste porno nell’auto del costruttore edile ucciso, per sviare le indagini

Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia: si doveva dare l’idea che il delitto fosse a sfondo sessuale

Un delitto maturato nell’ambito della contrapposizione armata tra cutoliani e Nuova famiglia, e per il controllo delle attività illecite nella zona del Vesuviano: è quello di un costruttore edile, A. V., legato da vincoli di parentela a un capo della Nco. Un delitto, rispetto al quale, secondo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia, Fiore D’Avino, si tentò di sviare le indagini, a cominciare dall’inquinare la scena dell’omicidio.

«Posso dire che le ragioni della sua (del costruttore edile, ndr) morte stanno nel fatto che egli era il cognato di (un capo della Nco), e che aveva iniziato ed addirittura stava ultimando la costruzione di un fabbricato che era della famiglia (dell’esponente cutoliano, ndr). Non sono in grado di riferire circostanze specifiche sull’omicidio, se non per ciò che ho appreso nel corso di alcune discussioni che si tennero da Carmine Alfieri (anche lui passato a collaborare con la giustizia, ndr)», fa mettere a verbale, Fiore D’Avino, il 17 giugno del 1997.

«La morte di (questa persona) era in particolare voluta da Pasquale Galasso (diventato collaboratore di giustizia nel 1992, ndr), anche perché la zona in cui questo palazzo si stava costruendo era sottoposta al suo controllo», continua la dichiarazione.

«Io stesso sono stato informato in precedenza della necessità di ucciderlo, e non espressi obiezioni a che ci si servisse dei miei uomini (…) Sentii peraltro alcuni particolari del piano che era stato predisposto per eliminare (questa persona), non ricordo se prima o dopo la sua morte». E poi, Fiore D’Avino rendiconta anche di un tentativo di depistaggio, messo in atto da chi ordinò il delitto. «In particolare – afferma il collaboratore di giustizia –, sono  a conoscenza del fatto che nella sua auto furono trovati dei giornali pornografici, per dare l’idea che il delitto fosse a sfondo sessuale».

Leggi anche...

- Advertisement -