Sanzioni amministrative per un totale di 30mila euro

Aveva stoccato piu’ di 50 quintali di rifiuti speciali derivanti dalla sua attivita’ lavorativa all’interno dell’opificio tessile del quale e’ titolare. Per questo motivo una donna di origini cinese di 44 anni e’ stata denunciata per smaltimento illecito. Il fatto si e’ verificato a Terzigno (Napoli): durante un controllo i carabinieri della locale stazione hanno verificato come la titolare di un opificio tessile avesse stoccato oltre 50 quintali di rifiuti speciali derivanti dallo scarto di produzione.

I locali dove si svolgeva la produzione, come hanno appurato ancora i militari, erano inoltre interrati e non erano stati messi in atto protocolli per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori impiegati. Quattro i lavoratori irregolari individuati, tutti di nazionalita’ cinese. Contestate sanzioni amministrative per un totale di 30.000 euro oltre a prescrizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro per complessivi 103.000 euro. L’attivita’, dopo le formalita’ di rito, e’ stata posta sotto sequestro. 

ad
Riproduzione Riservata