domenica, Dicembre 5, 2021
HomeNotizie di PoliticaLa Raggi dev'essere proprio nei guai per chiedere aiuto a Giggino

La Raggi dev’essere proprio nei guai per chiedere aiuto a Giggino

Sempre più stretta nella morsa dell’emergenza rifiuti, Roma si rivolge a Napoli per smaltire 100 tonnellate al giorno di indifferenziata.

Roma chiama e Napoli ci pensa. Evidentemente sorpresa. Un po’ come nella scena del capolavoro “Miseria e Nobiltà”, con Totò, in cui Pasquale e Felice credono che il marchesino Eugenio sia venuto a chiedere qualcosa di soldi a loro. “Se avanza questa richiesta…”, risponde il grande attore napoletano nei panni di uno dei suoi personaggi più famosi, mimando il gesto di un pugno. Forse non è andata propriamente così, ma di sicuro, quando la Sapna, società provinciale per la gestione dei rifiuti della Città metropolitana di Napoli, ha ricevuto una richiesta da parte della Regione Lazio e di Ama Roma per il conferimento di circa 100 tonnellate al giorno di rifiuto indifferenziato, quantomeno potrebbe aver pensato a un pesce d’aprile a scoppio ritardato (in fondo la richiesta è del 2 aprile). Invece no. E’ tutto vero.

L’emergenza rifiuti che vive la Capitale dopo la chiusura di un impianto nel Frusinate, costringe la sindaca Virginia Raggi a chiedere aiuto nientemeno che a Luigi de Magistris. Al momento Sapna e la Città metropolitana nicchiano, prendono tempo. Sarebbe in corso una valutazione tecnica per verificare l’accoglibilità della richiesta. O forse si chiedono come sia possibile che Roma, per smaltire i propri rifiuti, abbia pensato a una città come Napoli che fa già fatica con i suoi. E basterebbe farsi un giro in città o nella provincia per farsene una idea.

Leggi anche...

- Advertisement -