Confermata la condanna a 17 anni per Luigi D'Acunzo
Un'aula di tribunale (foto di repertorio)

Il Tribunale del Riesame di Napoli ha revocato gli arresti domiciliari nei confronti del sindaco di Cusano Mutri, Giuseppe Maria Maturo, difeso dagli avvocati Antonio Barbieri e Marcello Severino, e del geometra Remo Di Muzio, rappresentato dagli avvocati Patrizia Pastore e Giuseppe Francesco Massarelli. Il collegio, dopo aver ascoltato il procuratore capo di Benevento, Aldo Policastro, e i legali di Di Muzio e Maturo, ha deciso di annullare l’ordinanza dei domiciliari per i due imputati.

ad

I due sono indagati per concussione in concorso nell’ambito dell’inchiesta legata a un giro di tangenti su appalti pubblici che sarebbero stati pilotati. Le indagini nascono dalla denuncia di un imprenditore edile che secondo la Procura aveva pagato una tangente pari al 50% sull’importo di uno dei lavori appaltati. Si tratta di due affidamenti di lavori in somma urgenza riguardanti, il primo la sistemazione della fognatura lungo il torrente Titerno, per un importo di euro 22.000,00 e il secondo la sistemazione dell’alveo dello stesso torrente, nella localita’ Limata per l’importo di 13.000 euro.

Riproduzione Riservata