giovedì, Luglio 7, 2022
HomeNotizie di AttualitàRiapre il Loreto Mare ma senza medici e pronto soccorso

Riapre il Loreto Mare ma senza medici e pronto soccorso

Situazione paradossale al nosocomio, troppo poco il personale sanitario

di Fabrizio Geremicca

«Riconfigurazione del Presidio Ospedaliero Santa Maria di Loreto nuovo (cosiddetto Loreto nuovo)». E’ l’intestazione della deliberazione a firma Ciro Verdoliva, il direttore generale dell’Asl Napoli 1, che prova a definire le nuove funzioni del nosocomio di via Marina, che negli ultimi due anni è stato interamente dedicato ai pazienti Covid e che è stato poi chiuso nelle scorse settimane, per interventi di sanificazione e ristrutturazione.

Il documento conferma la volontà dell’Asl Napoli 1 – ma forse sarebbe più giusto dire la necessità, alla luce della mancanza di personale che ha già impedito la riapertura della struttura all’interno del San Giovanni Bosco – di non riattivare il Pronto Soccorso al Loreto mare. Manca ormai da qualche anno, nonostante un decreto del Commissario ad Acta del 2018, del quale l’azienda sanitaria locale ha preso atto all’epoca, classifichi il Loreto mare quale ospedale dotato di Pronto Soccorso. «Le attuali risorse di personale – recita il documento a firma di Verdoliva – non consentono la riapertura del Pronto Soccorso del presidio ospedaliero Lorerto Mare».

Per il resto, Verdoliva prevede all’interno dell’ospedale, che dovrebbe riaprire tra un paio di settimane: 28 posti di medicina generale,10 di oncologia, 10 di terapia intensiva, 28 di lungodegenza, 20 di pediatria, 16 di ematologia. Numeri che, peraltro, letti con gli occhi di chi ogni giorno vive la situazione dell’ospedale, appaiono quantomeno astratti.

La testimonianza: «Servono quindici o sedici medici. Siamo in quattro»

«Per il momento quel documento di Verdoliva – dice un medico in servizio nell’ospedale – è solo una carta. Per tenere in piedi ventotto posti di medicina e venti di lungodegenza, come sa chi fa il mio mestiere sul serio, servono quindici o sedici medici. Qui dentro al momento siamo quattro medici strutturati, cinque rianimatori e due radiologi, compreso il direttore sanitario. Poi magari hanno fatto già ordini di servizio o cose delle quali non sono a conoscenza, ma la sitiazione al momento è questa. Il Covid al Loreto mare è stato affrontato grazie a quattro poveri fessi che non hanno preso una giornata di riposo in due anni».

Leggi anche...

- Advertisement -