Vincenzo De Luca

Mario De Rosa si è occupato della gestione dell’informazione multimediale dal 2015 al 2018. Ora i soldi dello stipendio potrebbero essere chiesti a De Luca

La Corte dei Conti torna ad accendere i riflettori su Vincenzo De Luca, dopo l’episodio dei quattro vigili assunti in Regione, che è costato al governatore il rinvio a giudizio davanti ai magistrati contabili. Questa volta a finire sotto la luce dei fari della magistratura contabile è l’ex dirigente Mario De Rosa, social media manager assunto per curare l’informazione multimediale a Palazzo Santa Lucia (in precedenza aveva curato la campagna elettorale di De Luca).

Da quanto è emerso nel corso delle indagini affidate ai militari della Finanza, De Rosa (stipendio lordo da 145mila euro l’anno) non possedeva la laurea quando è stato assunto (il suo curriculum denuncia come sia diplomato perito elettronico). La laurea, va sottolineato, è necessaria per rivestire la qualifica di dirigente.

ad

I magistrati contabili, così come è stato per la vicenda dei 4 vigili, adesso potrebbero chiedere conto a De Luca – che nel 2015 attribuì con un suo decreto l’incarico a De Rosa – dei soldi (per presunto danno erariale) che l’Ente ha versato per lo stipendio di De Rosa tra il 2015 e il 2018, anno in cui è terminato l’incarico. La notizia dell’apertura di un fascicolo di inchiesta sulla vicenda, è stata riportata dal quotidiano la Repubblica.

Riproduzione Riservata