La sede della Regione Campania a Santa Lucia
La sede della Regione Campania a Santa Lucia


Sono scesi in piazza, protestando davanti alla sede della Regione Campania, a Napoli, per chiedere di poter iniziare il loro lavoro.

Sono gli idonei
del concorso per navigator,
coloro che dovranno
guidare chi percepisce
il reddito di cittadinanza
nella ricerca di un lavoro

Protestano davanti alla sede della Regione Campania assieme ai consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle «perché De Luca non vuole firmare», per stipulare la convenzione con l’Anpal, l’Agenzia nazionale per il lavoro, che permetterà ai vincitori del concorso di iniziare a lavorare. Eppure, sottolineano, «in sede di Conferenza Stato-Regione lo stesso De Luca si è impegnato a sottoscrivere lo schema di convenzione per il loro lavoro».

A protestare i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Campania, il cui partito politico ha portato avanti e approvato il Decreto dignità per il riconoscimento del reddito di cittadinanza. Il presupposto da cui parte Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, è che così come pensati, i navigator andranno a ingrossare le fila del precariato. Un concetto ribadito più volte dallo stesso governatore. «De Luca sta bloccando la assunzione di 471 laureati, 1.700 euro netti al mese a cui si aggiungono 300 euro di rimborsi», ha affermato Valeria Ciarambino, consigliere regionale del M5S.