I numeri dell’ultimo anno.

Trentacinque percettori del reddito di cittadinanza avevano in realtà una occupazione, da luglio hanno ricevuto 103mila euro cui non avrebbero avuto diritto. E’ uno dei dati contenuti nel bilancio dell’attività 2019 dell’Ispettorato del lavoro di Napoli: 4467 sono state le aziende ispezionate nel corso dell’anno di cui più della metà sono risultate essere irregolari. Il dato è in linea con il risultato degli anni precedenti nonostante l’esiguo numero di unità ispettive in forza, ossia 61 ispettori del lavoro civili e 6 militari carabinieri del Nucleo Ispettivo del Lavoro.

Sono stati 570 i provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale emessi (i provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale vengono elevati quando si trovano occupati lavoratori in nero in misura pari o superiore al 20% rispetto a quelli trovati intenti al lavoro). 2636 i lavoratori occupati irregolarmente di cui 2021 a nero, e quindi privi di qualsivoglia tutela previdenziale, assicurativa e sociale, pari a circa il 77 % dei lavoratori cui si riferiscono le violazioni accertate.