venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeNotizie di CronacaRapinavano connazionali con pistole e machete: sgominata banda cinese

Rapinavano connazionali con pistole e machete: sgominata banda cinese

SII GENTILE, CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Nella mattinata di giovedì, a Napoli, Mestre (Ve), Padova, Poggio a Caiano (Po) e Campi Bisenzio (Fi) e Reggio Emilia, i militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Gorizia, con il supporto nella fase esecutiva dai militari dei rispettivi Comandi Provinciali, al termine di una complessa e articolata attività investigativa, hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse dal gip del Tribunale di Gorizia, nonché a 5 decreti di fermo di indiziato di delitto, emanati dalla locale Procura, nei confronti di altrettanti cittadini di nazionalità cinese, due dei quali destinatari anche dell’altro provvedimento. Gli arrestati sono accusati di numerosi furti e rapine ai danni di propri connazionali. I provvedimenti cautelari sono scaturiti dall’operazione denominata “Crimini d’Oriente”, che ha permesso agli investigatori di accertare l’esistenza di un sodalizio criminoso, che da febbraio ad agosto 2018 ha portato a termine almeno due rapine in appartamento e sette furti e tentati furti nelle province di Mantova, Milano, Treviso, Rovigo ai danni di fabbriche e laboratori tessili diretti da propri connazionali.

Secondo gli investigatori, la pericolosità dei soggetti sarebbe attestata dal loro modus operandi: gli indagati, infatti, si avvalevano dell’uso di armi da fuoco e da taglio, come coltelli a lama lunga, accette e machete, e non hanno esitato ad usare violenza sulle vittime, che venivano imbavagliate e legate con fascette di plastica del tipo “lega tubi”. La ritrosia delle vittime a denunciare le rapine e i furti subiti, per il timore di gravi ritorsioni, ha resto particolarmente complessa l’indagine. Nel contesto dell’operazione sono state eseguite numerose perquisizioni all’esito che hanno permesso di rinvenire e sequestrare, in particolare, all’interno di un capannone ubicato nel Comune di Poggio a Caiano (Po), numerose macchine da cucire industriali, frutto dei furti perpetrati dall’organizzazione criminale.

SII GENTILE, CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Articoli Correlati

- Advertisement -