rapinatore ucciso Frattamaggiore
Il rapinatore è stato ucciso durante un tentativo di rapina a Frattamaggiore

Sara’ eseguita stamattina l’autopsia sul corpo di Raffaele Ottaiano, il rapinatore 28enne che sabato e’ stato ucciso dal titolare della gioielleria che stava svaligiando a Frattamaggiore, citta’ nella periferia nord di Napoli. Il gioielliere sempre oggi sarà iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Napoli Nord per l’ipotesi di omicidio colposo per eccesso di legittima difesa. “Un atto dovuto”, fa sapere il procuratore Capo Francesco Greco, il quale non esclude la possibilita’ che possa “trattarsi anche di una ipotesi di legittima difesa”.

rapinatore ucciso Frattamaggiore

ad

Ma gli accertamenti della polizia sono continui e tendono a verificare tutte le fasi precedenti e successive alla tentata rapina finita nel sangue. Da quanto e’ stato accertato, i rapinatori, quattro in tutto, a bordo di due scooter, sono entrati in azione nella gioielleria Corcione, in corso Durante, nel centro pedonale della cittadina di Frattamaggiore alle 18,30 mentre nel locale c’erano una commessa e due ragazzini che cercavano un regalo per la festa di San Valentino. Due dei rapinatori hanno fatto irruzione all’interno e uno di loro, Ottaiano, era armato e indossava una maschera di Carnevale di Hulk. E’ stato lui, secondo le prime testimonianze, a puntare l’arma contro il titolare che avrebbe fatto fuoco.

 Rapina finita nel sangue: e’ caccia ai due complici in fuga

Il gioielliere, che ha la casa proprio sopra il negozio si e’ accorto di quanto stava accadendo ed e’ sceso armato. Uno dei banditi, Luigi Lauro, 28 anni, e’ stato arrestato da un poliziotto libero dal servizio che ha intuito che era in corso una rapina. L’ispettore, infatti, era in compagnia di un amico quando ha notato due scooter, con a bordo 3 persone, che da via Camillo Benso Conte di Cavour sfrecciavano a forte velocita’ in direzione del corso Durante, facendo uso anche dei segnali acustici e esplodendo a scopo intimidatorio diversi colpi di pistola in aria. Gli altri due sono ancora in fuga e la caccia e’ estesa a tutte le province di Napoli.