venerdì, Settembre 30, 2022
HomeNotizie di SocietàL’ex gip Nicola Quatrano paragona Donald Trump a Totò Riina

L’ex gip Nicola Quatrano paragona Donald Trump a Totò Riina

L’omicidio del generale Qassem Suleimani  

di Giancarlo Tommasone

Ha sollevato non poche polemiche il post comparso sul profilo di Nicola Quatrano, ex giudice, oggi avvocato penalista, che il 3 gennaio scorso, riferendosi all’omicidio del generale Qassem Suleimani, ha scritto: «In fondo, Trump e Totò Riina usano le stesse tecniche». A corredo del post, Quatrano aggiunge due foto: la prima, dell’attentato di Capaci, la seconda relativa a quello di Bagdad. Il messaggio dell’ex gip conta (al momento in cui scriviamo) 42 condivisioni, più di 70 reazioni e numerosi commenti. Non mancano quelli negativi, c’è chi afferma che il post fosse da evitare, chi sottolinea: «Un paragone stupido ed offensivo». Per comprendere il senso di quanto esternato da Nicola Quatrano, Stylo24 lo ha raggiunto telefonicamente. «Gli omicidi mirati sono qualcosa di diverso dagli atti di guerra e anche dagli attentati terroristici. Sono una pratica sconosciuta al diritto internazionale e consistono nel fatto che 2 o 3 persone, nel chiuso di una stanza, condannano a morte un individuo e senza alcuna procedura che non sia quella di premere un grilletto, far detonare una bomba, lanciare un missile o un drone, eseguono la condanna. E’ la giustizia di Cosa Nostra, dei narcos – e si capisce che sia così -. Il problema è che ci sono altre due entità nel mondo che fanno lo stesso. Sono gli Usa e Israele», ha spiegato l’ex giudice.

Articoli Correlati

- Advertisement -