Capri
Piazzetta di Capri

L’annuncio del sindaco Marino Lembo alla manifestazione dei lavoratori stagionali tenutasi oggi in piazzetta, a cui hanno partecipato oltre 200 persone. Proteste anche ad Amalfi.

“Entro due settimane l’isola di Capri sarà covid free con tutti i cittadini vaccinati così da consentire la partenza della stagione turistica in sicurezza”. Così il sindaco di Capri (Napoli), Marino Lembo, intervenuto oggi in piazzetta Umberto I, dove si è tenuta la manifestazione “Nessuno Resti Indietro”, che ha visto presenti oltre 200 lavoratori stagionali.

La protesta, nel rispetto delle norme di sicurezza, è stata organizzata dal Movimento Cristiano Lavoratori. Salvatore Ciuccio, presidente di MCL Capri ha sottolineato: “Chiediamo sicurezza sanitaria per i turisti che arriveranno a Capri e sicurezza sanitaria ed economica per i lavoratori dell’isola”.

ad

Sono intervenuti i rappresentanti di tutte le categorie, da Federalberghi alle Ascom di Capri ed Anacapri, dai tassisti a portabagagli, lavoratori di alberghi e ristoranti, battellieri della Grotta Azzurra, motoscafisti, guide turistiche di Capri e commesse delle boutique. Tra i presenti, anche l’assessore al Turismo Manuela Schiano in rappresentanza del Comune di Anacapri e don Carmine Del Gaudio, parroco di Capri.

Sempre questa mattina, anche ad Amalfi, così come a Ischia e Sorrento, gli operatori del comparto turistico hanno voluto far sentire la loro voce. I manifestanti avevano con loro alcuni cuscini, perché “un cuscino è tutto ciò che ci rimane, il nulla”. “Il cuscino ormai vuoto – hanno spiegato i promotori –, è simbolo di tutte quelle famiglie che operanti con codice fiscale per i bed and breakfast o con partita iva per affittacamere e case vacanze, non hanno percepito dallo Stato nulla nel primo caso e somme troppo esigue nel secondo per il sostegno delle stesse”.

In piazza, oltre all’Abbac, anche guide turistiche, società di servizi, agenzie di viaggi e di noleggio. Categorie tutte unite e rappresentate dallo striscione che chiedeva “Lavoro e dignità per tutti”. Chiarezza sulle riaperture, vaccinazioni per gli operatori, detassazione fiscale, estensione del super bonus 110% per il recupero immobiliare privato e ristori tra le loro richieste.

Riproduzione Riservata