Chiesti 20 anni di reclusione per il ras Giovanni Imparato (nel riquadro)

CAMORRA STABIESE La requisitoria nei confronti di Giovanni Imparato e Giovanni Lucarelli

Due condanne, a complessivi 27 anni di reclusione. E’ quanto è stato chiesto dalla pubblica accusa nel corso della requisitoria del processo Sigfrido, che vede alla sbarra il gotha del clan D’Alessandro di Castellammare di Stabia. Ieri il pm ha invocato 20 anni di carcere per Giovanni Imparato (ritenuto tra i ras del Rione Savorito) e 7 anni per Giovanni Lucarelli (considerato elemento di spicco della criminalità organizzata stabiese).

Per Imparato l’imputazione è quella di associazione a delinquere di stampo mafioso e droga;  per Lucarelli, soltanto quella di associazione. Nei giorni scorsi, per gli altri 17 imputati coinvolti nel medesimo procedimento, sono stati chiesti 300 anni complessivi di reclusione.

ad
Riproduzione Riservata