Diego Armando Maradona

Le scioccanti rivelazioni dell’avvocato Mario Baudry, tutore legale di Diego Fernando, quinto figlio del Pibe de oro: era ricoverato per dipendenza dall’alcol, ma gli davano birra e pillole per sedarlo.

Ennesima rivelazione choc su Diego Armando Maradona, incapace di poter essere lasciato in pace anche dopo la sua morte. E proprio intorno agli ultimi istanti della vita dell’ex calciatore del Napoli si sono concentrate le dichiarazioni dell’avvocato Mario Baudry, tutore legale di Diego Fernando, quinto figlio del Pibe de oro. Durante il programma “Lo de Manana”, andato in onda sull’emittente El Trece, infatti,

Rispondendo in merito alle dichiarazioni di Matías Morla, ex legale di Maradona, Baudry ha affermato: “Ha detto quello che voleva, non quello che la gente vuole sentire. Se Diego fosse stato trattato con un minimo di affetto, sarebbe ancora vivo. Ha trascorso 14 ore di agonia prima di morire. Era ricoverato per dipendenza dall’alcol, ma gli hanno dato birra e pillole macinate in modo che non disturbasse”.

ad

Se avessimo un altro tipo di giustizia – ha proseguito – , a quest’ora sarebbero tutti in prigione. Ci sono gli audio a testimoniare tutto, a far sentire cosa dicevano i dottori di Diego. E’ finito per dormire in una stanza con un wc chimico e a farsi fare il bagno con un tubo. Lui aveva una malattia cardiaca dal 2000 ed è morto per un edema polmonare acuto. Ecco perché si sta indagando per omicidio colposo”.

Riproduzione Riservata