lunedì, Dicembre 6, 2021
HomeLa storia della camorra«Prestai a Raffaele Amato 15mila euro, giocammo insieme alla roulette»

«Prestai a Raffaele Amato 15mila euro, giocammo insieme alla roulette»

LA STORIA DELLA CAMORRA L’incontro nel casinò di Barcellona tra l’esponente dei Prestieri e il capo degli Scissionisti

All’epoca, la faida non è ancora scoppiata. Per la fazione avversa al clan Di Lauro non è stato ancora coniato il termine di clan degli Scissionisti; da informative di polizia giudiziaria, si hanno solo notizie frammentarie di un gruppo allontanatosi da Secondigliano e trasferitosi in Spagna. Tutto qui. Eppure la brace cova sotto la cenere dell’astio, e la fiamma è pronta a divampare e a innescare l’incendio. Nell’estate del 2003, uno dei reggenti del gruppo del Rione Monterosa, Antonio Pica (cugino di Antonio Prestieri, e nipote di Maurizio e TommasoPrestieri), affiliato al clan Di Lauro, va in vacanza in Spagna. Con tutta la famiglia.

A Barcellona si incontra con Raffaele Amato (detto ’o Lello), il primo, a separarsi ufficialmente dai Di Lauro. Poi toccherà al cognato Cesare Pagano, lasciare l’area Nord di Napoli, per ritirarsi in penisola iberica e preparare il progetto di rivalsa contro la cosca di Cupa dell’Arco. Pica prova a tastare il terreno, sono «giorni strani», e assai delicati, giorni in cui le fazioni sono indecise sulle scelte da prendere, ponderano attentamente se continuare a subire gli ordini di Cosimo Di Lauro (succeduto alla guida dell’organizzazione criminale, al padre Paolo, impegnato con la latitanza), oppure unirsi alla «corrente» scissionista.

Pica – in seguito passato a collaborare con la giustizia (come i cugini e gli zii) – racconta ai magistrati che lo interrogano: «Incontrai Raffaele Amato nel casinò di Barcellona, era insieme a suo nipote Pagano, che io chiamo Angioletto. Ricordo che lo vide anche mia moglie che però, io feci allontanare. Noi (Pica e Amato, ndr) parlammo in maniera riservata ossia da soli». I due si siedono a un tavolo e cominciano a confrontarsi su quello che accade a Secondigliano, e stando a quanto rendiconta Pica, Amato gli spiega i motivi che lo hanno indotto ad allontanarsi da Napoli.

«Mi disse – afferma Pica – che non era scappato, ma che era andato via da Secondigliano perché in disaccordo con Cosimo Di Lauro, che non era come il padre Paolo. Disse pure che aveva provato a incontrarsi con Paolo Di Lauro, ma che quest’ultimo non lo aveva ricevuto». La sorta di «summit» si conclude con i due che giocano insieme, alla roulette. «Prestai ad Amato 15mila euro, e lui me li restituì dopo tre giorni. Me li fece portare da una persona di sua fiducia, sempre al casinò, dove mi recavo tutte le sere», dichiara Antonio Pica.

Leggi anche...

- Advertisement -