lunedì, Gennaio 24, 2022
HomePrimo Piano«Presentazione flop del libro, Renzi furioso con Nicola Caputo»

«Presentazione flop del libro, Renzi furioso con Nicola Caputo»

Una fonte romana a Stylo24: «Il Teatro Augusteo era mezzo vuoto, colpa dei consiglieri regionali e dell’assessore regionale»

Italia viva, platea vuota. Maretta a Roma per il flop della presentazione del libro di Matteo Renzi, Controcorrente, che si è tenuta al teatro Augusteo una settimana fa alla presenza di un pubblico non proprio delle grandi occasioni. Un flop non certo addebitabile all’ex premier italiano che mantiene intatti l’appeal (e la curiosità) soprattutto dopo l’operazione Conte-Draghi. Di chi è allora la colpa? 

Di chi avrebbe dovuto preoccuparsi di riempire la sala con un po’ di telefonate mirate. «Colpa dei consiglieri regionali di Italia viva (Tommaso Pellegrino, Francesco Iovino, Vincenzo Alaia e Vincenzo Santangelo) ma soprattutto dell’assessore regionale Nicola Caputo, il renziano più alto in grado in Campania», spiega una fonte romana a Stylo24.

Non che non fossero presenti in sala (ci mancherebbe) ma si sono spesi poco – dice la nostra fonte – «per riempire la sala». Un risultato di per sé non impossibile considerato che il Teatro Augusteo ha già la capienza ridotta causa Covid.

«Renzi è andato via deluso da Napoli», prosegue la fonte, «ma non ha dato la colpa al coordinatore regionale Ciro Buonajuto, suo fedelissimo. Sa che Buonajuto fa quel che può».

La colpa, quindi, sembra di capire, è di chi siede in Regione. «Consiglieri e assessore hanno certamente gli strumenti e le possibilità di riempire una sala. Se non l’hanno fatto è perché evidentemente non hanno capito l’importanza dell’evento. Anche un libro significa fare politica».

Tanto più alla luce dei risultati straordinari ottenuti da Renzi in altre location d’Italia: ovunque posti sold out. Da Sarzana a Rapallo.

Tranne in Campania. Chissà perché.

Leggi anche...

- Advertisement -