I fatti

Un negozio di abbigliamento del centro storico di Pozzuoli (Napoli), in corso Vittorio Emanuele, è stato svaligiato la notte tra sabato e domenica da ladri che sono penetrati all’interno passando dal tetto e dal solaio di una chiesa sconsacrata. La scoperta è stata fatta dalla proprietaria all’apertura del locale. Dall’esterno, la titolare non aveva ravvisato alcuna anomalia. Una volta alzata la serranda si è trovata dinanzi ad uno scenario da brividi: suppellettili sotto sopra, armadi svuotati e soffitto sfondato con calcinacci disseminati dappertutto.

Sul posto sono stati fatti intervenire i Carabinieri di Pozzuoli, che hanno avviato le indagini e ricostruito le modalità dell’incursione. I ladri, almeno tre, sono penetrati da falle nel tetto spiovente della chiesa di Santa Croce, detta del Purgatorio, che sorge sulle rampe Causa, nei pressi di Porta Napoli, accanto alla rampa di accesso al Rione Terra. La chiesa, sconsacrata da alcuni anni, ha ospitato per qualche tempo iniziative culturali e mostre, poi è finita in stato di abbandono in attesa di restauro.

I ladri – secondo una prima ricostruzione – una volta nella chiesa hanno potuto lavorare tranquillamente, raggiungendo la cripta, e da qui, praticando un foro, sono entrati nel negozio che si trova in adiacenza. Il bottino è stato ricco, ma non ricchissimo come lasciavano prevedere i primi riscontri. Infatti, in un angolo della chiesa, ritrovati alcuni sacchi colmi di abiti che evidentemente i malfattori non sono riusciti a portare via subito e che puntavano a recuperare successivamente.