L’invito di Tavassi a industriali, Regione e Governo affinché scelgano un profilo adeguato per la presidenza

«Nel merito della nomina del prossimo Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, l’Unione Industriali Napoli non intende esprimere, come hanno fatto incautamente altri, precise indicazioni di candidature». A dichiararlo è Francesco Tavassi, Vice Presidente dell’Associazione degli industriali partenopei con delega all’Economia del Mare. «Vorremmo solo sperare che il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Campania comprendano – aggiunge Tavassi – come gli scali di Napoli, Castellammare e Salerno, che sono sotto la giurisdizione dell’Autorità, ma anche tutti gli altri porti campani, rappresentino snodi non più trascurabili per lo sviluppo dell’economia e del turismo dell’intera nazione». «Pertanto auspichiamo – conclude Tavassi – che il Mit e la Regione scelgano il profilo adeguato, sia esso una riconferma o una nuova indicazione. Purché presenti le caratteristiche giuste per continuare a perseguire gli imponenti obiettivi di sviluppo che l’Autorità deve darsi, anche in vista di opportunità come quelle messe a disposizione dall’Europa».

Riproduzione Riservata