Il costo arrivava a essere fino al 90% inferiore rispetto alla tariffa cui avrebbero avuto diritto i clienti.

Con un meccanismo truffaldino, un’organizzazione attiva fra Napoli e Caserta consentiva ai ‘clienti’ di pagare a prezzi ‘stracciati’ polizze assicurative per responsabilita’ civile sulle loro auto. Del gruppo, scoperto dai carabinieri della stazione di Carvignano (Udine), fanno parte 12 persone, quattro delle quali abilitate alla professione di broker assicurativo e otto senza alcun titolo ne’ abilitazione. Le persone denunciate sono in tutto 128 (clienti inclusi), residenti nelle province di Napoli e Caserta, accusate, a vario titoli di falsita’ ideologica commesso da privato in atto pubblico, sostituzione di persona, truffa ai danni dello Stato, danneggiamento fraudolento di beni assicurati ed esercizio abusivo della professione di assicuratore.

L’indagine, durata due anni e coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Udine, Andrea Gondolo, e’ partita da una segnalazione dell’agenzia ‘Sara Assicurazioni’ di Palmanova (Udine). Il costo della polizza ottenuta col raggiro arrivava ad essere fino al 90% inferiore rispetto alla tariffa cui avrebbero avuto diritto i clienti. Il guadagno per la struttura, i cui operatori ingaggiavano clienti nei locali pubblici e tramite passaparola, era costituito da un sovrapprezzo che chiedevano a titolo di mediazione: da 100 a 500 euro per polizza.

ad