Nelle foto la vittima Pasquale Apicella, la volante distrutta e l'autista killer

Secondo i pm, i ladri, nel tentativo di fuga, usarono la potente auto sulla quale viaggiavano come un’arma contro la volante a bordo della quale si trovava l’agente scelto.

Ergastolo, con isolamento diurno di un anno. E’ questa la richiesta della Procura di Napoli per i tre ladri accusati di essere i responsabili del poliziotto Pasquale Apicella, l’agente scelto che ha perso la vita all’età di 37 anni nel tentativo di bloccare gli imputati mentre tentavano un furto al bancomat di una banca di Napoli la notte del 27 aprile 2020.

Si tratta di Fabricio Hadzovic, 40 anni, l’autista, Admir Hadzovic, 27 anni, e il 39enne Igor Adzovic. I tre usarono, secondo i pm, la loro vettura, una potente Audi A6, come un’arma, scagliandosi a tutta velocità contro la volante su cui si trovava Apicella. Un quarto componente della banda, Renato Adzovic, 23 anni, che prese parte al furto ma non all’omicidio, è stato già giudicato e condannato con il rito abbreviato a sei anni di reclusione per reati minori.

ad
Riproduzione Riservata