Marco Di Lello nominato di recente procuratore federale

Dalla politica allo sport, nel caso specifico al pallone, che appassiona milioni di italiani, a tutti i livelli delle competizioni (sia professionistici che dilettantistici). La Figc (Federazione italiana giuoco calcio) e le associazioni di categoria, nel corso degli ultimi anni, in Campania, sembrano essere diventate una sorta di «rifugio», di alternativa per i politici che non ce l’hanno fatta o che, in un modo o in un atro, cercano di riciclarsi.

E’ il caso ad esempio, di Marco Di Lello, ex deputato (nel periodo 2013-2018; si presentò alle elezioni sotto le insegne del Pd) e già assessore regionale della Campania (Giunta Bassolino), che di recente è stato nominato procuratore aggiunto della Procura Federale della Figc. Restando sul versante del centrosinistra, poi, non bisogna dimenticare, che tra i papabili candidati per la presidenza della Lega nazionale dilettanti Campania, all’ultima tornata, si era fatto costantemente il nome di Massimo Costa, ex segretario provinciale di Napoli, del Partito democratico. Costa aveva provato ad iscriversi alla corsa anche in precedenza.

ad

Poi aveva rinunciato in extremis alla candidatura, aprendo di fatto la strada all’elezione di Salvatore Gagliano. Quest’ultimo, è stato alla guida del Comitato regionale Campania della Lnd fino a ottobre del 2018, quando il direttivo è caduto per la presentazione delle dimissioni da parte di sei consiglieri. Anche Gagliano proviene dal mondo della politica: è stato consigliere regionale e sindaco di Praiano (provincia di Salerno). E’ un politico pure il presidente della Lega nazionale dilettanti, oltre che vicepresidente vicario della Figc. Stiamo parlando di Cosimo Sibilia (Forza Italia), deputato della Repubblica. Sibilia è stato segretario del Senato dal 2014 al 2018, mentre dal 2009 al 2012 è stato presidente della Provincia di Avellino.