TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

 

di Giancarlo Tommasone

Che cosa ci faranno mai, due unità del parco auto del Comune di Napoli, parcheggiate in mezzo a Piazza Vanvitelli e in evidente divieto di sosta? Non si sa, è escluso però che si tratti di una situazione di emergenza. Dopo il caso (riportato dal nostro giornale) della Fiat Stilo della consigliera Eleonora De Majo, lasciata in Piazza Municipio, in barba a tutte le regole, spuntano foto relative a una vicenda molto simile.

Cambia la location,
cambia il modello
delle vetture,
cambiano i protagonisti,
non cambia l’infrazione

Piazza Vanvitelli, vettura dei vigili e ‘auto blu’ parcheggiate in zona vietata

Le istantanee sono state scattate qualche giorno fa in uno degli slarghi più famosi di Napoli, e mostrano un’auto della polizia municipale e una Toyota, lasciate in divieto di sosta (in mezzo alla piazza), tra l’altro con le portiere evidentemente chiuse, senza alcun agente a presidiarle.

La Toyota, a tutti gli effetti, una «auto blu», appartiene al parco auto di Palazzo San Giacomo, e oltre a essere utilizzata per servizio, da parte della Municipale, è a disposizione per gli spostamenti di amministratori del Comune di Napoli, tra cui il sindaco, Luigi de Magistris. Ma esclusa la circostanza che le auto siano state parcheggiate in tal modo per affrontare una emergenza, i vigili hanno la facoltà, ad esempio, di lasciare la vettura al centro di una piazza, o in doppia fila, o di passare con il rosso?

Un graduato della Municipale
in pensione:
i vigili devono attenersi al rispetto
del Codice della strada
come tutti gli altri cittadini

Abbiamo rivolto la domanda a un ufficiale in pensione (da alcuni mesi) dei caschi bianchi. «I vigili – spiega a Stylo24devono attenersi al rispetto del Codice della strada come tutti gli altri cittadini; eccezioni, da giustificare nelle sedi competenti, si registrano solo e quando si stia compiendo una operazione di emergenza. Voglio dire, se un agente alla guida di una vettura di servizio, assiste a uno scippo e facendo attenzione alla incolumità dei pedoni e di altri automobilisti, passa con il rosso per mettersi all’inseguimento dello scippatore, è un conto. Stessa cosa dicasi se lascia l’auto in una zona dove non può parcheggiare, perché magari deve soccorrere qualcuno in difficoltà. Ma nel caso in cui, dovesse pure recarsi a compiere compiti di natura ‘istituzionale’, il vigile è tenuto a rispettare il Codice della strada».

Tutto chiaro: quindi, anche in questo caso, è stata commessa una infrazione? «Certo che sì, anche perché, come si nota dalle foto, all’interno degli abitacoli non c’è alcun vigile, stessa cosa dicasi per il personale che dovrebbe stazionare accanto alle vetture per spostarle, nel caso si fosse trattato di una sosta breve e dettata da un motivo di necessità», risponde il graduato in pensione. Non sappiamo chi fosse alla guida della Toyota bianca, né quale incombenza abbia portato a lasciare le vetture in tal modo. Sappiamo soltanto che ultimamente, parcheggiare in zone dove non è permesso, da parte di rappresentanti delle istituzioni sembra essere diventata una sorta di abitudine, a Napoli. Anche in questo caso, per aiutare la legge a trionfare, siamo a disposizione a fornire le foto. Anche se sia la vettura con la scritta «Polizia Municipale» che la Toyota, al Comune dovrebbero conoscerle bene.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT