“Salvini? Non ha capito che c’è anche il Presidente della Repubblica. Noi comunque lo aspettiamo nel tour ‘Gigione and friends’ sulle battigie d’Italia. A Castel Volturno gli daremo il secchiello d’oro come miglior bagnino d’Italia”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca commentando la crisi di governo in corso e in vista dell’annunciata tappa del beach tour di Salvini a Ferragosto nel Casertano. “Sapevamo -ha aggiunto De Luca – che il governo si sarebbe squagliato, perché è un circo equestre, al netto di Conte, una persona di cui ho stima e rispetto. E ho alcuni amici come Giorgetti e Garavaglia”.

Una alleanza meridionalista

“Stiamo arrivando al dunque, non si scherza, se prevale l’ipotesi leghista si apre per il Sud un drammatico declino e quindi lavoreremo per una alleanza meridionaliste che abbiano come primo contenuto programmatico il lavoro al Sud”. Ha proseguito il governatore campano.

 

“Lo squagliamento del governo nazionale – ha detto De Luca, esponente del Pd – e l’iniziativa aggressiva assunta dalla Lega rende motivato e necessario un movimento di valore analogo nel sud. A questa iniziativa di Salvini bisogna rispondere con un rilancio meridionalista molto determinato, perché parliamo di decine di miliardi di euro che possono essere sottratti al Sud e di un sud che non rimane in Europa o rischia di non avere più risorse”.

AIUTACI CON UN LIKE A MANTENERE L’INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE

“Parliamo chiaro ai cittadini e mettiamo in piedi l’alleanza meridionalista, rivolgendoci a chi ha riposto le proprie speranze a Cinque Stelle ma anche recuperando la componente moderata e liberale che rischia di essere travolta dall’onda leghista”. De Luca ha sottolineato come l’alleanza meridionalista dovrebbe avere al centro “il lavoro, la sicurezza, la scuola unitaria, la Sanità unitaria e riqualificata e poi politiche ambientali all’avanguardia”. “L’alleanza – ha detto – va realizzata partendo dal lavoro per la povera gente, i disoccupati del Sud che sarebbero le prime vittime di un successo leghista in Italia. Anche simbolicamente oggi parte il piano per il lavoro in Campania mentre si apre una crisi di governo che può avere uno sbocco drammatico dal punto di vista del Sud”.