TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

di Giancarlo Tommasone

Si può essere capogruppo del Partito democratico senza essere iscritti al Partito democratico? Certo che sì, capita al Comune di Napoli, con il consigliere Aniello Esposito, detto Bobo, che a novembre scorso, ha patteggiato una condanna a sei mesi per la vicenda delle candidature “fantasma”, nelle liste dell’allora candidata sindaco democrat, Valeria Valente.

Nei confronti di Esposito,
la Commissione di Garanzia
(riunitasi il sei dicembre scorso),
non ha potuto prendere alcun provvedimento disciplinare,
poiché questi, per il 2018,
non si E’ iscritto al Pd

Il caso, sollevato da Stylo24, ha tutte le caratteristiche di un paradosso. Sulla vicenda, la nostra testata ha raccolto le considerazioni di Nicola Oddati, ex candidato alla segreteria del Partito democratico a Napoli. «E’ possibile aderire a un gruppo consiliare (o anche parlamentare) senza avere la tessera del partito – afferma Oddati – Poi tocca ai consiglieri, come è avvenuto appunto a Napoli, eleggere il capogruppo. E la loro scelta, credo per motivi di affidabilità e di stima nei confronti di Esposito, per la sua esperienza e militanza politica, li ha portati a nominarlo, appunto, capogruppo. Del resto Esposito è un esponente riconosciuto del Pd, che ha un suo consenso, una sua storia. Il fatto che non abbia preso la tessera, significa ben poco. Ma se si ritiene sussista un problema, questo può essere risolto solo in seno al gruppo consiliare».

E’ vero, non si tratta di una violazione delle regole, ma la questione appare quanto meno singolare. Non le sembra – chiediamo a Oddati – che sia addirittura paradossale? «Il vero paradosso – dichiara Oddati – è che a Napoli si è celebrato un congresso totalmente falso, sulla base di platee fasulle. Il Pd è tutto da rifare». «Rispetto al problema di Aniello Esposito, ne vedo un altro ben più grande – incalza Oddati – A Napoli abbiamo un segretario eletto da un terzo degli iscritti, mentre i due terzi sono stati tenuti fuori dal congresso, perché le liste degli aderenti al Pd erano false».

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT