L’ edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno fa il punto della situazione in merito alla gara di questa sera tra Napoli ed Inter di Coppa Italia

di Stefano Esposito

“Un papà prova a chiedere un veloce ingresso per il proprio bambino ma non è possibile, il piccolo deve rinviare la sua «immersione» nelle emozioni dell’impianto di Fuorigrotta. Il Napoli si prepara alla sfida contro l’Inter, in tribuna ci sono anche il presidente De Laurentiis (ci sarà anche stasera) e il governatore De Luca.

ad

Dopo la seduta, tutti in pullman all’Hotel Britannique, la sede insolita del ritiro.

«Ho voluto salutare e fare gli auguri per la ripresa della stagione calcistica alla squadra del Napoli, al presidente De Laurentiis e a mister Gattuso. Un rapido in bocca al lupo oggi al San Paolo prima dell’allenamento di rifinitura alla vigilia della sfida contro l’Inter», ha dichiarato il presidente De Luca.

Gattuso ha in mente la formazione ideale ma persiste qualche dubbio. Mertens ha avvertito nei giorni scorsi un fastidio agli adduttori ma dovrebbe farcela, Fabian Ruiz fino a ieri mattina lamentava ancora qualche noia muscolare, mentre Lobotka ha dato forfait durante la rifinitura: distrazione muscolare alla coscia sinistra (2 o 3 settimane di stop).

Gioca Elmas. In attacco si pensa ad un nuovo «tridente dei piccoletti», ricco d’intrecci con l’Inter, a partire da Politano è in vantaggio su Callejon, sogna di realizzare la prima rete in maglia azzurra proprio contro la sua ex squadra. Matteo è l’esterno ideale per Gattuso, si muove a piede invertito, ama venire dentro al campo e valorizzare il suo piede mancino.

Prima dell’emergenza coronavirus l’ex Inter ha fatto fatica ad incidere, non era in buona condizione, ha dovuto smaltire prima l’influenza e poi adattarsi anche alle consegne tattiche di Gattuso che gli chiede di lavorare tanto anche in fase difensiva. Politano è un brevilineo, da Castel Volturno filtra che sia uno dei giocatori più in forma, pronto a dare una delusione a Conte che l’ha messo ai margini del progetto tattico dell’Inter.

Il protagonista principale della serata potrebbe essere Dries Mertens, una rete gli consentirebbe di superare Hamsik e andare in testa alla classifica marcatori all time della storia del Napoli. L’attaccante belga dovrebbe farcela, le valutazioni saranno compiute con grande attenzione. Milik è l’alternativa pronta. L’avversario ai sogni di Mertens è l’Inter, la tentazione più forte prima di trovare l’accordo con il Napoli per il rinnovo del contratto.

I contatti e le proposte ci sono state ma poi Mertens ha scelto il Napoli, s’attende solo l’annuncio ufficiale.
Capitan Insigne da bambino fu bocciato dall’Inter ad un provino, gli osservatori nerazzurri lo consideravano troppo piccolo. Ci sono stati poi altri due approcci quando, invece, Lorenzo si era già affermato in serie A.

Estate 2016, il Napoli si fionda su Icardi che non trovava l’accordo con l’Inter per il rinnovo, il direttore sportivo Ausilio risponde inserendosi proprio su Insigne che cercava una nuova intesa contrattuale.


Nel 2019, quando il Napoli ci riprovava per Icardi, fu Raiola a proporre a Marotta il capitano azzurro
come possibile contropartita mal’affare non è mai diventato concreto. Un intreccio c’è anche in casa Inter: Ancelotti stravedeva per Barella, lo considerava l’alternativa perfetta ad Allan nelle settimane della sua trattativacon il Psg. La storia poi è nota: Barella ha preferito l’Inter”