Uno scorcio di Forcella, roccaforte del clan Sibillo (foto di repertorio)

MALA DI FORCELLA E sul fronte dell’ultima operazione contro il clan Sibillo si registra la scarcerazione della moglie del baby-boss

All’appello mancano due persone, indiziate di far parte del gruppo che la scorsa settimana è stato intercettato a Forcella, mentre avrebbe provato a chiedere la «pigione» per un appartamento, una volta appartenuto ai Giuliano, e poi confiscato e rivenduto all’asta. Si tratta di Gennaro Imparato (32 anni) e di Alessio Vicorito (27). A finire in arresto, sabato scorso, sono stati Salvatore Giuliano (alias ’o russo, di 36 anni); suo cugino Cristiano Giuliano (27enne); Antonio Morra (di 32 anni); Giuliano Cedola (di 30 anni).

Sono accusati di avere preteso il fitto da alcuni extracomunitari che vivono in un basso in Vico Pace, a Forcella. Nel frattempo, sul fronte dell’ultima operazione di polizia giudiziaria che ha riguardato il clan Sibillo, la cosiddetta paranza dei bambini, si registra la scarcerazione di Maria Sabatelli, detta Miriana. I giudici del Tribunale del Riesame hanno disposto per la giovane, consorte del baby-boss Giovanni Matteo, gli arresti domiciliari. Sia la notizia dei sospettati di far parte del gruppo di presunti estorsori, sia quella relativa alla scarcerazione di Sabatelli, sono state riportate dal quotidiano Il Roma.

ad
Riproduzione Riservata