di Giancarlo Tommasone

Per tutti coloro che si fossero chiesti cosa ci facessero Panariello o Antonello Venditti sul palco di «Pino è», la risposta sta nel fatto che il comico toscano e il cantautore romano fanno parte delle scuderia «Friends and Partners Group», abbreviato F&P. Altro che amici di Pino, dunque.

Ci troviamo piuttosto davanti agli amici o meglio agli assistiti di Ferdinando Salzano.

Amministratore delegato e proprietario, insieme alla casa discografica Warner, dell’agenzia che opera nel settore della musica live e degli eventi. Il tributo a Pino Daniele, per quanto riguarda l’organizzazione, ha visto la partnership tra la citata società e la Trident Music, nata dalla storica Trident Agency, fondata da Maurizio Salvadori nel 1970.

 

Ferdinando Salzano

Molte critiche sono arrivate per il parterre degli artisti della serata allo stadio San Paolo e per la qualità espressa durante il concerto. Ci si è pure chiesto che attinenza avessero molti di essi con Pino Daniele. Spulciando tra i «friends» della F&P ci si può rendere conto che ben 17 nomi della musica italiana seguiti dalla citata agenzia, erano stati inseriti nel cast del San Paolo. Per la cronaca, in totale si sono esibiti circa una quarantina di artisti.

Tra essi anche i musicisti che negli anni hanno fatto parte delle formazioni storiche del cantautore partenopeo.

Tra gli attori, i comici e gli intrattenitori che hanno partecipato allo show, anche Alessandro Siani, il già citato Giorgio Panariello, Pierfrancesco Favino, Enrico Brignano, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme e Marco Giallini. Ma passiamo agli artisti della «Friends and Partners Group».

Lorenzo Jovanotti

Sul sito ci imbattiamo in grandi nomi della musica italiana, 17 di essi, come scrivevamo, sono stati chiamati a partecipare all’omaggio a Pino: Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Red Canzian, Francesco De Gregori, Elisa, Emma, Il Volo, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Giorgio Panariello, Francesco Renga, Ron, Paola Turci, Antonello Venditti, Ornella Vanoni.

I forfait dell’ultima ora hanno tenuto lontano dal palco Red Canzian
e Ron. Ma a conti fatti, i friends di Ferdinando Salzano hanno rappresentato oltre il 50% del parterre.

Avremmo pure potuto comprendere la circostanza, nel caso gli artisti avessero avuto questo legame così stretto col bluesman napoletano. Ma tranne un paio di eccezioni, continuiamo a domandarci cosa c’entrino Emma Marrone e Alessandra Amoroso (entrambe creature del circo musicale di Maria De Filippi) o Il Volo e Biagio Antonacci (solo per citarne alcuni) con Pino Daniele.

Biagio Antonacci

Ma forse, questa è un’abitudine di Salzano. La sua agenzia è finita al centro delle polemiche già durante la scorsa edizione di Sanremo. Tutto nelle regole, naturalmente, per carità. Però al «Giornale» (la notizia è stata poi ripresa da Dagospia) non è sfuggito che nell’anno in cui conduzione e direzione artistica sono state affidate a Claudio Baglioni (della scuderia di Salzano), sono stati circa 20 i «colleghi» di agenzia del cantautore romano a essere chiamati ad esibirsi sul palco dell’Ariston, tra partecipanti alla gara ed ospiti.