camera commercio napoli

Stanziavano 30mila euro in media per ogni iniziativa, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare l’economia napoletana. Dalla mobilitazione per la legalità, ai corsi per alimentazione senza glutine a crediti per imposta fino ai corsi per acconciatori. Tutti progetti falsi. Progetti che esistevano solo sulla carta.

L’INCHIESTA SUI PROGETTI FALSI
ALLA CAMERA DI COMMERCIO
HA PORTATO AL RINVIO A GIUDIZIO
DI BEN 12 PERSONE

Per questo, la Procura di Napoli ha chiesto il rinvio a giudizio di 12 persone nell’ambito di un’inchiesta relativa a dieci progetti finanziati dalla Camera di Commercio. Ma realizzati solo «virtualmente».

ad
Maurizio Maddaloni, ex presidente della presidente della Camera di Commercio di Napoli
Maurizio Maddaloni, ex presidente della presidente della Camera di Commercio di Napoli

Dopo due anni di indagini il pubblico ministero ha chiesto l’apertura del processo a carico di dirigenti, segretari, imprenditori, consulenti della Camera di Commercio, esponenti sindacali. Tra loro – come scrive stamane «Il Mattino» – anche Maurizio Maddaloni. Ex presidente dell’ente camerale, accusato di aver condizionato l’esito di una gara sulla legalità di un importo di circa 20mila euro.

Riproduzione Riservata