Pietro Spirito, presidente dell'AdSp del Mar Tirreno Centrale

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

di Pietro Spirito*

Come sempre accade a chi non conosce il tema di cui parla, e questo capita sistematicamente a Stylo24, i dati di cui trattasi non sono i flussi di traffico ma le matrici origini/destinazioni delle navi dirette o partite dal porto di Napoli.
Le Autorità di Sistema Portuale, in Italia come in tutto il mondo, conoscono e pubblicano i dati di traffico in arrivo e partenza, ma non dispongono dei flussi origine/destinazione delle compagnie marittime.
Questa informazione è stata sempre curata dagli Avvisatori Marittimi in tutta Italia. L’Avvisatore Marittimo napoletano ha avuto l’intelligente idea di informatizzare questa base di dati, che rappresenta un unicum, mediante il quale è possibile costruire la mappa delle connessioni tra porto di Napoli ed altri porti in Italia, nel Mediterraneo e nel mondo.
Anche qui, bastava chiedere all’Avvisatore Marittimo, se costa troppa fatica chiedere all’Autorità. Ma Stylo24, con tutta evidenza, non ha il compito di conoscere e di indagare, bensì solo quello di rovistare per gettare discredito.
L’operazione non riuscirà, perché non c’è proprio nulla da scoprire, se non, in questo caso, la particolare sensibilità dell’Autorità per ampliare il panorama delle conoscenze statistiche in un settore, come quello marittimo, particolarmente bisognoso di arricchire la piattaforma dei dati e della conoscenza. Conoscenza alla quale Stylo24 non è assolutamente interessata.

Pietro Spirito
Presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Tirreno Centrale

+++

La replica del direttore di «Stylo24»

Offriamo, ancora una volta, spazio all’Autorità portuale – abituata di solito a pagare per far pubblicare interviste al presidente Pietro Spirito – per suggerire, in questa circostanza, come migliorare l’organizzazione e come risparmiare denaro pubblico. Denaro di tutti noi.
Il presidente Spirito parla di «conoscenza alla quale Stylo24 non sarebbe assolutamente interessata». Ma ciò che preoccupa il nostro giornale è che un importante Ente pubblico non utilizzi compiutamente tutti gli strumenti disponibili e le proprie potenzialità per portare a compimento la mission istituzionale. Per caso, «Stylo24» è venuta a conoscenza dell’esistenza di tali strumenti e, pertanto, si permette di suggerirne qualcuno al presidente Spirito in modo tale da contribuire «ad ampliare il panorama delle conoscenze statistiche in un settore, come quello marittimo, particolarmente bisognoso di arricchire la piattaforma dei dati e della conoscenza».
Come si può rilevare dal sito della Guardia Costiera (segnaliamo al presidente anche il link così non si deve stancare a cercarlo http://www.vts.guardiacostiera.gov.it/web/guest) la stessa si è dotata di un sistema “PMIS – Port Management Information System” che viene utilizzato dal personale della Capitaneria di Porto sia nello svolgimento delle pratiche amministrative collegate all’arrivo e alla partenza delle navi sia per la supervisione del traffico all’interno delle acque portuali.
Il sistema PMIS rappresenta l’interfaccia unica nazionale per l’invio delle formalità di dichiarazione delle navi in arrivo e in partenza dai porti italiani (National Maritime Single Window). L’interfaccia unica costituita dal PMIS deve assicurare l’interoperabilità anche con il sistema SafeSeaNet, il sistema informativo delle Dogane e con le piattaforme realizzate dalle autorità portuali per il migliore espletamento delle funzioni di indirizzo e coordinamento dei nodi logistici che alle stesse fanno capo.
Si legge dal sito che, nel porto di Napoli, il PMIS è operativo dal 7.1.2014. Pertanto, ci si chiede, ad oggi, è stata realizzata dall’A.d.S.P. la piattaforma informatica per garantire tale interoperabilità e l’accesso a tali informazioni? Evidentemente no, se bisogna pagare per avere questi dati che sarebbero (sono) gratuiti.
Inoltre, l’Ufficio Accosti della Sezione Tecnica della Capitaneria di Porto/Guardia Costiera di Napoli ogni giorno comunica le unità navali (cargo, passeggeri, ro-ro) in arrivo ed in partenza, i moli di attracco e la provenienza o destinazione.
Sono dati forse troppo “noiosi” per farli elaborare fattivamente dalla struttura interna dell’AdSP che non dispone di esperti laureati in statistica ma tali dati sono utili per addivenire ad una puntuale definizione delle matrici origini/destinazioni delle navi dirette o partite dal porto di Napoli e costruire la mappa delle connessioni tra porto di Napoli ed altri porti in Italia, nel Mediterraneo e nel mondo, come il presidente Spirito ha baroccamente sottolineato.
Ci fa piacere che l’«Avvisatore Marittimo» napoletano abbia avuto l’intelligente idea di «informatizzare questa base di dati» ma ci sembra una mancanza che non sia possibile da parte dell’Adsp organizzarsi per elaborare autonomamente tali dati evitando duplicazioni ed esborsi di danaro pubblico.
Sarebbe più utile portare tale esperienza anche in Assoporti (Associazione Porti Italiani alla quale aderiscono le Autorità di Sistema Portuale, le Camere di Commercio e Unioncamere ) che già elabora statistiche complessive relative ai movimenti portuali annuali. Anche in questo caso, citiamo il link http://www.assoporti.it/autoritasistemaportuale/statistiche/statistiche-annuali-complessive/
alla quale l’Adsp del Mar Tirreno Centrale, oltre le altre Adsp associate, versa un contributo associativo annuale di circa 72mila euro per l’anno 2018 e che ha istituito Assoporti servizi srl (una società controllata al 100% dall’Associazione dei Porti Italiani – Assoporti) proprio allo scopo di promuovere azioni di innovazioni e la fornitura di servizi tecnici nel campo portuale, dei trasporti e della logistica.
Probabilmente, può bastare per smentire ancora una volta l’insofferenza del presidente Spirito nei confronti della libera stampa. Ma non ce ne curiamo.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT