Le cessioni della droga avvenivano al domicilio del pusher

Una piazza di spaccio a ‘carattere familiare’, con cessioni della droga che avvenivano per lo più al domicilio dei pusher. È quanto hanno scoperto i carabinieri della sezione operativa della compagnia di Torre Annunziata (Napoli), che hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di un uomo di 39 anni, della moglie di 49, e del fratello, di 43 anni. Sono tutti indagati a vario titolo per concorso in detenzione e spaccio di stupefacenti.

Le misure sono state emesse dal gip del tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura. Tutto ha avuto inizio dopo l’arresto in flagranza del 39enne e della consorte, sorpresi in possesso di tre grammi di cocaina, nove di crack, di uno spinello di marijuana e di materiale necessario al confezionamento dello stupefacente. Durante le successive indagini, condotte tra settembre e ottobre scorsi, i militari hanno individuato il giro degli acquirenti e compreso le modalità di spaccio.

ad