Agenti di polizia nel corso di controlli a Ponticelli (foto di repertorio)

Nell’area orientale di Napoli da settimane è altissima la tensione tra gruppi malavitosi

La «rivolta» per una questione di suddivisione di quote da destinare ai gruppi malavitosi dell’area Est, secondo gli inquirenti, sarebbe stata innescata da una donna, Carmela Ricci, detta Lina, moglie di Francesco De Martino e madre di Salvatore, detto XX. Sempre secondo investigatori e inquirenti, ci sarebbe lei dietro la nuova faida di Ponticelli. Una intercettazione telefonica che risale allo scorso 9 ottobre, due giorni dopo due agguati di camorra, inquadrerebbe Ricci, tra gli attori principali dello scontro.

«Da quando è uscita Lina, non si è capito niente più»,emerge dalla conversazione che avviene tra due malavitosi. Per gli inquirenti quella Lina, è Carmela Ricci. La donna è stata scarcerata ad agosto scorso, dopo l’arresto per armi, avvenuto nel 2017. Il testo dell’intercettazione è stato riportato dal quotidiano la Repubblica. Il gruppo De Martino, nel 2020, è entrato in contrasto con lo schieramento formato da De Luca Bossa-Minichini-Casella, «coalizione» che gli inquirenti ritengono, sottoposta a sua volta alla sfera d’influenza dell’Alleanza di Secondigliano.

ad
Riproduzione Riservata