giovedì, Settembre 29, 2022
HomeNewsPd Napoli presenta 24 «papabili» candidati: decisione finale a Roma

Pd Napoli presenta 24 «papabili» candidati: decisione finale a Roma

Resta il nodo da sciogliere sui consiglieri regionali. Folta la truppa «deluchiana»

di Emiliano Caliendo

Con la direzione provinciale del Pd napoletano di questa mattina, al Teatro Piccoli di Fuorigrotta, i circoli dem hanno stilato una prima lista di 24 nomi per una possibile candidatura al Parlamento. Ora tocca al commissario regionale Francesco Boccia e al segretario nazionale Enrico Letta decidere chi sarà candidato o meno nei collegi dell’area provinciale di Napoli. «Nelle scorse ore – afferma il documento dem di Napoli – a partire da quanto esposto dal segretario Nazionale del Pd Enrico Letta, il Pd Metropolitano di Napoli ha avviato una celere e partecipata consultazione degli organismi dirigenti del Partito locale che culmina nell’assise convocata questa mattina».

«La nostra lista – prosegue il documento – sarà aperta anche al contributo di altre forze civiche e politiche, nostre alleate, dal livello nazionale al livello locale. La Segreteria Metropolitana ha esortato dirigenti e circoli a ricercare in tempi brevissimi figure fortemente rappresentative e spendibili che dessero la propria disponibilità alla candidatura alla Camera e al Senato. Tale elenco viene affidato al Commissario Regionale Francesco Boccia».

Chi entra e chi esce

Nell’elenco è confermata la presenza dei parlamentari uscenti Paolo Siani (deputato), Valeria Valente (senatrice) e Raffaele Topo (deputato). Resta il nodo da sciogliere sui consiglieri regionali per i quali il regolamento sulle candidature approvato in direzionale nazionale prevede l’incandidabilità: sarà dunque necessaria una deroga. Attenderanno quindi il via libera da Roma la casilliana di ferro Loredana Raia e il duo Massimiliano Manfredi (fratello del sindaco di Napoli) e Bruna Fiola (figlia del presidente della Camera di Commercio napoletana, vicina al presidente De Luca). L’assenza di Mario Casillo non dovrebbe quindi stupire essendo presenti i fedelissimi Loredana Raia e Lello Topo.

La truppa deluchiana

Folta la truppa deluchiana: della lista fanno infatti parte Enza Amato (presidente del Consiglio Comunale di Napoli), Antonella Ciaramella (Direzione Nazionale Pd, già consigliera regionale, oggi coordinatrice della segreteria dell’assessorato alla formazione della Regione Campania), Luigi Cimmino (ex segretario metropolitano del Pd), Antonio Marciano (Membro della Direzione Nazionale del Pd, già consigliere regionale, attualmente membro della segreteria di De Luca), Luca Mascolo (consigliere comunale di Agerola, ex sindaco) ed Edoardo Serpico (Sindaco di Scisciano).

Sarracino e gli altri

Scontata la candidatura dell’orlandiano Marco Sarracino, lanciatissimo segretario metropolitano del Pd, molto vicino al segretario nazionale Letta. Da segnalare anche qualche ritorno in campo come quello dell’ex deputato Leonardo Impegno e di Venanzio Carpentieri (ex segretario metropolitano del Pd, già sindaco di Melito sfiduciato nel 2017). Tra gli amministratori locali si segnala Antonietta Garzia, consigliere comunale dem ad Ercolano, molto vicina al consigliere regionale Massimiliano Manfredi.

C’è poi Giuliana Di Fiore, attualmente assessore con delega all’urbanistica al Comune di Giugliano, precedentemente assessore all’ambiente al Comune di Ercolano e prima ancora presso l’ex Provincia di Napoli. Docente di diritto amministrativo, è stata candidata come consigliere comunale a Salerno nella lista PER (Per le Persone e la Comunità) nel 2021. Gli altri nomi facenti parte della lista dei 24 aspiranti parlamentari sono: Aiello Angela (Assessore Meta di Sorrento e membro segreteria Metropolitana), Auriemma Gennaro (Circolo Pd Somma), Bolero Filomena (Cons. Comunale Marigliano), D’Alessandro Vincenzo (Circolo Pd Somma Vesuviana), D’Esposito Mario (Direttivo Pd San Lorenzo), Di Nocera Nora (Vice Segr. Pd Castellammare di Stabia), Olivieri Antonella (Circolo Pd Chiaia).

Big in campo a Napoli

Molto probabile, infine, che arrivi anche qualche candidatura di un big nazionale calata dall’alto come quella del ministro della cultura Dario Franceschini che, presente ieri a Napoli per un incontro istituzionale, avrebbe riferito al sindaco Manfredi dell’intenzione di candidarsi al Senato nel collegio di Napoli.

Articoli Correlati

- Advertisement -