TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

E’ disperata, chiede aiuto per telefono ai media perche’ non sa a chi altro rivolgersi. Patrizia, 58 anni, residente a Soccavo, periferia occidentale di Napoli, soffre di gravi patologie ed e’ immobilizzata a letto. Vive da sola, non ha figli, con l’ex marito non ha piu’ contatti da anni. Quando stava meglio ed era in grado di muoversi ha svolto le pratiche per ottenere la pensione di invalidita’ e l’indennita’ di accompagnamento (che le bastano solo per vivere e pagare l’affitto, non per permettersi una badante), ora una neuropatia l’ha bloccata e le rende anche difficile parlare a lungo. “Ho provato a chiamare il Comune o la Asl – racconta in lacrime – ma ho ottenuto solo risposte vaghe, e non sono stata in grado di insistere. A casa mia non si e’ mai visto un assistente sociale”.

 

E’ uno spaccato amaro di solitudine e sofferenza, quello raccontato dalla donna. Il medico di base in piu’ occasioni l’ha fatta ricoverare in ospedale, ma dopo alcuni giorni di cure ed esami e’ stata dimessa: le sue patologie sono croniche, occorrerebbe il trasferimento in un istituto per lungodegenti ma la pensione non basta a pagare la retta. E cosi’ in una domenica, l’ennesima, di totale abbandono, a Patrizia non resta che alzare il telefono e contattare una redazione giornalistica. “Vi prego di raccontare la mia storia, vi lascio i miei dati qualora dalle istituzioni qualcuno volesse aiutarmi. Ma vi prego di non divulgare il mio cognome: a 58 anni mi resta solo la dignita’, ho pudore di mettere in piazza il mio dramma”.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT