TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Un filmato amatoriale girato con la propria telecamera da un turista tedesco residente in Svizzera, in stazione a Bologna, la mattina del 2 agosto 1980, nei momenti immediatamente precedenti e successivi alla strage, in cui dopo la rielaborazione di un fotogramma prodotto dai legali dei familiari delle vittime si ravvisa un volto in cui si rileva una spiccata somiglianza a Paolo Bellini: sulla base di questo elemento la Procura generale di Bologna ha chiesto la revoca del proscioglimento disposto il 28 aprile 1992 nei confronti dello stesso Bellini, 65enne di origine reggiana ex militante dell’organizzazione di estrema destra Avanguardia Nazionale che testimonio’ come collaboratore di giustizia sulla trattativa Stato-Mafia di Palermo del 1992.

ad

La memoria difensiva e’ stata depositata alla Procura generale nel febbraio scorso dai familiari delle persone offese. Il filmato in oggetto fu inviato nel 1985, tramite il ministero degli Esteri, alla Procura di Bologna. L’elemento di novita’ consiste nella rielaborazione del filmato, da parte dei familiari delle vittime, con l’estrapolazione e l’ingrandimento di alcuni fotogrammi di varie persone presenti vicino al primo binario poco dopo lo scoppio dell’ordigno esplosivo. Dalla visione di questi fotogrammi, poi, la Procura generale ha rilevato, appunto, la spiccata somiglianza del volto di una delle persone riprese con quello di Paolo Bellini di cui si chiede quindi la revoca del proscioglimento. Questo per poter riaprire le indagini nei suoi confronti e per poter procedere, tra le altre cose, ad un esame antropometrico attraverso la comparazione delle immagini di allora con le caratteristiche somatiche dell’ex estremista di destra. Paolo Bellini fu assolto dal reato di concorso in strage (con sentenza di non luogo a procedere emessa il 28 aprile 1992) per non aver commesso il fatto.

 

Inoltre, da un’intercettazione ambientale emerge che Carlo Maria Maggi, ex capo di Ordine Nuovo in Veneto condannato per la strage di Brescia e morto nel dicembre scorso, afferma di essere a conoscenza sia della riconducibilita’ della strage del 2 agosto alla banda di Fioravanti sia della circostanza che all’attentato partecipo’ un “aviere” che porto’ la bomba: questo un altro elemento che ha portato la Procura generale di Bologna a chiedere la revoca del proscioglimento. Secondo la Procura generale, nell’ambiente della destra eversiva Paolo Bellini era conosciuto per la passione che aveva per il volo, una passione che lo aveva portato a conseguire il brevetto di pilota di aerei. L’intercettazione citata dalla Procura generale risale al gennaio del 1996 nell’ambito di un procedimento dell’autorita’ giudiziaria veneziana.

Come terzo elemento di novità che la Procura generale mette sul piatto per chiedere al Gip la revoca del proscioglimento dell’ex esponente di Avanguardia Nazionale ci sono poi atti del processo sulla ‘Trattativa Stato-Mafia’, da cui emergerebbe una “trama di oscuri rapporti” tra Bellini e Sergio Picciafuoco. I magistrati vorrebbero riprendere e approfondire questa relazione, alla luce delle indagini in corso. Picciafuoco, condannato in primo grado e poi assolto per la Strage, era presente in stazione il giorno della Strage, fu ferito dall’esplosione e fornì una falsa identità al personale sanitario del pronto soccorso. E’ stato recentemente sentito nel processo a carico di Gilberto Cavallini.

L’avvocato dei familiari delle vittime: Bellini? Siamo fiduciosi

“Noi non possiamo che essere fiduciosi. Dobbiamo avere adesso pazienza di attendere questa investigazione che immaginiamo complessa ma certamente questo e’ un elemento di novita’ estremamente significativo”: con queste parole, Andrea Speranzoni, avvocato di parte civile nel processo sulla strage di Bologna a carico dell’ex Nar, Gilberto Cavallini, ha commentato gli sviluppi di un’altra indagine, condotta dalla Procura generale, sempre sull’attentato del 2 agosto 1980.

 

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA:
CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Riproduzione Riservata