«Non consegneremo città in mano a Pd e M5s»

«L’appello del sindaco ad un governo istituzionale di fine consiliatura per scongiurare il commissariamento è certamente tardivo e discutibile soprattutto perché al termine di un’esperienza di decennali fallimenti. Nessuno potrà chiederci di votare il bilancio». Lo affermano i consiglieri di opposizione Domenico Palmieri (Napoli popolare) e Salvatore Guangi (FI) che aggiungono: «Oggi il tema attiene al futuro politico di una città che non può più in alcun modo essere amministrata dalle sinistre né estreme né pseudo-moderate». I consiglieri pertanto in relazione al rinvio odierno affermano che ”è giusto attendere il subentro di Armando Coppola in Consiglio prima di affrontare il bilancio e ancor più giusto e politicamente coerente è scongiurare il rischio di dover consegnare il Comune di Napoli e la città nelle mani del Pd e del M5s».

Riproduzione Riservata