Vasta operazione dei carabinieri tra Palma Campania e San Gennaro Vesuviano. I militari dell’Arma, nella giornata di ieri, hanno messo a segno una serie di controlli per il contrasto del lavoro sommerso. Denunciati stranieri per impiego in nero di connazionali. Impegnati i carabinieri di Palma Campania e S. Gennaro Vesuviano e del nucleo ispettorato del lavoro di Napoli nonché personale dell’Asl Na3Sud.

Uno scorcio di Palma Campania

A Palma Campania è stato denunciato un 22enne cingalese titolare di una sartoria in cui occupava connazionali irregolari sul territorio nazionale e senza salvaguardare la loro sicurezza sui luoghi di lavoro. L’attività è stata sospesa. Sequestrata, invece, una ditta che confeziona abbigliamento il cui titolare è stato denunciato. L’uomo, anche lui originario dello Sri Lanka, 33enne e residente a Palma Campania, dava lavoro a stranieri irregolari che operavano in locali non a norma e con attrezzature non sicure. Controllati anche 3 minimarket di Palma Campania, gestiti da cittadini cingalesi, in cui sono stati scoperti 3 lavoratori impiegati in nero e carenze in materia di sicurezza. A San Gennaro Vesuviano è stato infine denunciato un 40enne, anche in questo caso di origine cingalese, proprietario di una ditta tessile in cui dava lavoro a 2 connazionali irregolari. L’attività è stata sospesa.

ad
Riproduzione Riservata