I due hanno provato a giustificarsi dicendo di essere in procinto di fare una gara nazionale. Si intensificano i controlli in tutta la regione con il passaggio da zona rossa ad arancione

Sorpresi a giocare a biliardo, nonostante i divieti imposti dalle restrizioni anti-Covid, hanno provato a giustificarsi dichiarando di essere in procinto di partecipare ad una gara di livello nazionale e che dunque si stavano allenando. Una spiegazione che non ha convinto i finanzieri intervenuti sul posto, che hanno multato i due e chiuso l’attività dove svolgeva il presunto ”allenamento”.

È accaduto ad Ottaviano nell’ambito dei controlli predisposti durante il fine settimana dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, che ha intensificato le proprie attività nel passaggio della Campania da ”zona rossa” a ”zona arancione”. In totale, tra venerdì e domenica, sono state controllate tra Napoli e provincia 709 persone e 133 attività commerciali, con 24 le sanzioni complessivamente elevate. Gli uomini del Gruppo Pronto Impiego di Napoli, nel quartiere San Lorenzo, hanno sanzionato e segnalato all’autorità di pubblica sicurezza per uso personale di sostanze stupefacenti tre giovani (due italiani e un francese) trovati in possesso di 4 grammi di marijuana e 1,6 grammi di hashish. Il secondo nucleo operativo metropolitano, nel rione San Tommaso, ha invece sequestrato in una sala gioco abusiva tre video slot e 120 euro proventi illeciti delle giocate. Denunciato e sanzionato il titolare per omessa tenuta della tabella dei giochi proibiti e anche per violazione alla normativa anti Covid-19.

ad

A Ottaviano, come detto, il personale della locale compagnia ha individuato un’associazione sportiva dilettantistica aperta al pubblico nonostante i divieti. All’interno due uomini (uno risultato recidivo) che, sorpresi a giocare a biliardo, hanno tentato di giustificarsi fingendo di allenarsi in previsione della partecipazione ad un appuntamento di carattere nazionale. Sequestrate anche tre slot machines accese e in funzione ma non collegate alla rete dell’amministrazione autonoma dei monopoli di Stato. Disposta la chiusura dell’associazione per 5 giorni.

Il Gruppo di Frattamaggiore ha invece denunciato all’autorità giudiziaria un uomo di 25 anni, sequestrando a Casoria, durante un controllo su strada, 60 chili di sigarette di contrabbando nascoste nel portabagagli di una vettura. Sanzionato, insieme alla sorella che lo accompagnava, l’autista anche per aver compiuto uno spostamento non giustificato. A Caivano le fiamme gialle hanno notato un soggetto che, alla loro vista, è scappato dirigendosi verso uno stabile del ”Parco Verde” e che, nei pressi del porticato dell’immobile, prima di darsi alla fuga aveva nascosto in una fioriera un involucro con dieci grammi di cocaina suddivisi in 15 dosi. La compagnia di Torre del Greco, infine, su segnalazione della sala operativa, ha sanzionato il titolare di un centro estetico risultato aperto e il titolare di un salone di barbiere per non aver contingentato l’afflusso di clienti all’interno del proprio locale.

Riproduzione Riservata