di Giancarlo Tommasone

Scongiurato il voto in periodo di vacanze, c’è tempo per la presentazione delle candidature alle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine degli architetti di Napoli e provincia. Il tutto grazie alla proroga della gestione commissariale, affidata a Giuseppe D’Angelo. Lo ha deciso il ministro Alfonso Bonafede.

ad
Il ministro Alfonso Bonafede

Il ministero della Giustizia,
infatti, lo scorso 16 agosto
ha prodotto
il documento
che proroga di sessanta giorni
l’incarico all’architetto pugliese,
in scadenza il 19 agosto

Quest’ultima circostanza avrebbe portato a indire le elezioni in extremis, quindi, come pure aveva sottolineato a Stylo24 l’ex presidente dell’Ordine di Napoli, Salvatore Visone, le operazioni di voto si sarebbero svolte il 31 agosto o il primo settembre prossimi.

L’ex presidente Salvatore Visone

Le considerazioni del ministero e il rischio scongiurato

Ma come è scritto nero su bianco nel documento del ministero, «la scadenza nel mese di agosto dei citati termini del procedimento elettorale (è considerata) tale da pregiudicare la reale partecipazione degli aventi diritto, a danno, in particolare, della possibilità di presentare tempestivamente le proprie eventuali candidature e di renderle effettivamente note agli aventi diritto al voto».

Evitate le consultazioni flop

Per riassumere, dunque, le consultazioni «vacanziere» avrebbero rischiato di risolversi in un flop, creando non poche difficoltà a candidati e votanti.
L’architetto Giuseppe D’Angelo è stato quindi confermato nell’esercizio delle funzioni di commissario straordinario. A lui il compito di provvedere alla convocazione dell’assemblea per l’elezione del nuovo Consiglio dell’Ordine, oltre che, naturalmente, al disbrigo delle pratiche urgenti e di ordinaria amministrazione, fino all’insediamento del nuovo Consiglio.