domenica, Dicembre 5, 2021
HomeNotizie di CronacaOmicidio Di Pede, arresto bis per il reggente dei Mazzarella

Omicidio Di Pede, arresto bis per il reggente dei Mazzarella

La camorra dell’area Est. Ad accusare Salvatore Fido quale organizzatore del delitto, il collaboratore di giustizia Umberto D’Amico

L’ordinanza di custodia cautelare, nei confronti di Salvatore Fido (32 anni), gli è stata notificata in carcere, dove si trova per un’altra inchiesta. Il presunto boss dei Mazzarella è chiamato a rispondere dell’omicidio di Vincenzo Di Pede (avvenuto il 25 agosto del 2012). A tirare in ballo il 32enne è stato il collaboratore di giustizia Umberto D’Amico (ex esponente del clan dei Gennarella del Rione Villa) che ai pm ha raccontato delle confidenze che Fido gli avrebbe fatto, mentre entrambi erano detenuti insieme. «Totore (Fido, ndr) mi disse che aveva partecipato all’omicidio di Enzo (Di Pede, ndr)», ha fatto mettere a verbale D’Amico, una volta che ha cominciato a collaborare con la giustizia. Fido, per il delitto Di Pede, era già finito sotto la lente degli inquirenti. Le indagini e le dichiarazioni di D’Amico hanno portato all’arresto del 32enne, accusato di essere l’organizzatore dell’omicidio (è innocente fino a prova contraria, ndr). La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Roma, nell’articolo a firma di Luigi Sannino.

Leggi anche...

- Advertisement -