Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris

di Giancarlo Tommasone

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris torna sul numero degli agenti di polizia municipale a disposizione, rispondendo alle critiche mosse dall’ex procuratore Paolo Mancuso. «Però la coperta è molto corta. Anche qui ci serve una mano dal Governo: se ci darà il via libera allo scorrimento delle graduatorie, a dicembre potremo avere altri cento vigili a disposizione». Il primo cittadino – come dichiarato appunto a Repubblica – parla di altro cento unità da innestare nel Corpo, tramite lo scorrimento della graduatoria.

Vale la pena fare due considerazioni,
ma soprattutto due conti. Partiamo
dal fatto che al concorso bandito
nel 2008 (la proroga per poter attingere
al bacino degli idonei è valida per l’intero 2018) i candidati poterono accedere senza
che fosse stato fissato un limite di età

Anche se, per l’assunzione nel pubblico impiego, il limite massimo non può superare, anche in caso di cumulo di benefici, i 45 anni di età. Quindi facendo un po’ di conti ci potremmo trovare davanti anche a nuovi vigili 55enni, vale a dire prossimi alla pensione, nel momento in cui si vada a reperirli tramite lo scorrimento della graduatoria.

Altro fattore da tenere nella giusta
considerazione è rappresentata dalla idoneità

E’ possibile che dopo 10 anni, un candidato sia considerato ancora adatto a vestire la divisa e a intraprendere le attività che competono al suo ruolo? E tralasciando il fattore anagrafico, il candidato è da considerarsi ancora idoneo rispetto alle conoscenze di diverse procedure e norme, che nel frattempo (nell’arco di dieci anni) saranno sicuramente cambiate? Riallacciamoci alle parole di de Magistris e torniamo alle 100 unità da reclutare. Nel caso entrino in servizio, dove saranno dislocate? A Chiaia, al Vomero, in periferia? Oppure su tutto il territorio comunale?

Il comandante della polizia municipale, Ciro Esposito
Il comandante della polizia municipale, Ciro Esposito

Facendo altri due conti, a Napoli, esistono in totale, undici unità operative. Cento diviso 11 dà 9 (con il resto di qualche unità) agenti per unità operativa. Dividiamo 9 per tre turni, avremo 3 poliziotti per ogni unità. Davvero un impatto esiguo sulla zona in cui verrà impiegato. Tornando infine alla possibilità di innestare anche nuovi agenti ultracinquantenni, si crede davvero di poterli impiegare da subito sulle strade, di pattuglia, senza una minima esperienza e formazione? Una cosa, infatti, è formare dei trentenni, altra agenti già in vista dell’età pensionabile.