giovedì, Gennaio 27, 2022
HomeNotizie di CronacaNon si trattava di un telefono «vietato», assolto il boss Nicola Rullo

Non si trattava di un telefono «vietato», assolto il boss Nicola Rullo

Nel 2010 fu fermato per un controllo e trovato in possesso di un cellulare, un vecchio modello di Nokia senza nemmeno la connessione a internet

Al termine del processo d’Appello, è andato assolto Nicola Rullo, considerato esponente di spicco del clan Contini del Vasto-Arenaccia. Nel 2010, Rullo (attualmente detenuto per altro), fu fermato in strada, nel corso di controlli e fu trovato in possesso di un telefono cellulare. Secondo l’accusa, tramite quell’apparecchio, avrebbe impartito ordini agli affiliati. Per tale motivo, in primo grado era stato condannato a un anno di reclusione. Ma, nelle scorse ore, la sentenza è stata ribaltata, Rullo è stato assolto. Il telefono che aveva con sé era un vecchio modello di Nokia, assimilabile in tutto e per tutto a un apparecchio fisso. Non uno smartphone di ultima generazione, non aveva connessione internet, e non era criptato. Da qui la decisione dei giudici della III Sezione della Corte di Appello: Rullo non violò la sorveglianza. E’ stato quindi, assolto. La notizia è stata riportata dal quotidiano Il Roma.

Leggi anche...

- Advertisement -