TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT

Un fendente, uno solo, al cuore. Fatale il colpo inflitto a Raffaele Perinelli, classe 1997. Da quanto è stato possibile ricostruire al momento, il ragazzo si trovava in Via Caprera, a Miano, Rione San Gaetano, quartiere in cui viveva, quando è stato raggiunto da una coltellata al culmine di una lite.

Un amico, lo avrebbe caricato in scooter e lo avrebbe poi portato al Cardarelli di Napoli. Purtroppo per il giovane c’è stato nulla da fare. E’ deceduto dopo il ricovero in ospedale.

Al momento non è stata ancora chiarita la dinamica dei fatti, secondo quanto risulta da ambienti investigativi, il padre del giovane era Giuseppe Perinelli, originariamente orbitante intorno alla cosca dei Lo Russo, aveva aderito al gruppo scissionista dei Capitoni e si era infine avvicinato ai Misso della Sanità. Proprio per questo motivo, fu ucciso. Perse la vita in un agguato nel 1999. Indagini in corso da parte delle forze dell’ordine per venire a capo di dinamica e matrice dell’azione che è costata la vita a Raffaele Perinelli, considerato tra l’altro una promessa del calcio. Il 21enne avrebbe orbitato in alcune squadre di Lega Pro.

TI OFFRIAMO INFORMAZIONE GRATUITA, RICAMBIA CON UN GESTO DI CORTESIA: CLICCA QUI E LASCIA UN LIKE SULLA PAGINA FACEBOOK DI STYLO24.IT