Stesa a Forcella, il seggiolone sfiorato dai colpi di pistola

Stese per cacciare dal rione i parenti dei collaboratori di giustizia, l’ultimo episodio della serie registrato in Via Postica Maddalena

Sale la tensione nel ventre molle di Napoli, a Forcella, dove da qualche settimana, i sismografi dell’Antimafia continuano a captare movimenti anomali. Due giorni fa è stata registrata una sparatoria in Via Postica Maddalena. L’abitazione «bersaglio» dei pistoleri è quella delle sorelle dei pentiti Salvatore e Guglielmo Giuliano. Si tratta di una vera e propria escalation, durante la quale c’è da segnalare anche un altro avvertimento (sempre una stesa) e un episodio inquietante in Vico Scassacocchi (riportato in esclusiva da Stylo24). Obiettivo, in questo caso, l’abitazione di una delle sorelle di Carmela Marzano, la moglie di Luigi Giuliano, un tempo capo incontrastato della cupola malavitosa in città e oggi uomo nuovo, concluso il periodo di collaborazione con la giustizia. I proiettili hanno sfiorato il seggiolone dove si trovava fino a poco tempo prima la figlia della donna. Secondo quanto risulta a Stylo24 da fonti investigative, a impugnare le armi per dettare le nuove regole nel rione, sarebbero i giovani parenti dei vecchi boss dei Giuliano, guidati da un personaggio coinvolto nella tragedia della giovane Annalisa Durante.