E’ ripartito poco dopo alla volta di Pozzuoli

La nave Driade della compagnia Caremar è rimasta per diversi minuti nel porto di Ischia in balia del forte vento. Erano le 7.30 circa e l’unità aveva mollato gli ormeggi per effettuare il previsto collegamento per Procida e Pozzuoli quando, a causa del forte vento che spirava in quel momento, non è riuscita a prendere il largo restando pericolosamente alla deriva e ‘scarrocciando’ da un lato all’altro dell’approdo ischitano senza, tuttavia, impattare contro banchine o altre navi. Nessuna conseguenza quindi per i 20 passeggeri e le 6 autovetture a bordo e neppure per l’equipaggio.

La Capitaneria di Porto di Ischia che, nel frattempo, aveva precauzionalmente chiuso il porto, ha gestito le operazioni di messa in sicurezza della nave, durate circa un’ora ed al termine delle quali il Driade è rimasto fermo nello scalo per una verifica tecnica di eliche e timoni ad opera di sub specializzati. É ripartito poco dopo sempre alla volta di Pozzuoli visto l’esito favorevole dei controlli.

ad

Ieri sera anche il traghetto veloce Isola di Procida, sempre della Caremar, al suo arrivo in porto ad Ischia, poco prima delle 20.00, è rimasto per diversi minuti bloccato alla banchina Redentore a causa del forte vento di maestrale, prima di poter sbarcare regolarmente i circa 30 passeggeri in arrivo da NAPOLI.